Mondo Convenienza: arredare casa senza avere soldi da parte

Si può arredare casa senza avere soldi da parte?
Quando ho chiesto il mutuo, non avevo soldi conservati, e nemmeno adesso.
Basta avere una quantità di pazienza inversamente proporzionale alla quantità di denaro conservato.

Nonostante fossi stata messa in guardia dal comprare casa senza avere un gruzzolo paracadute, ho creduto nel futuro e ragionato “alla giornata”.
Sono poi arrivati consigli costruttivi e soluzioni ottime per la mia condizione.

Vorrei condividere, come ha fatto qualcun’altro con me, la soluzione per compiere un passo alla volta.

Qualche tempo fa mi consigliarono di rivolgermi a Mondo Convenienza, un noto mobilificio che permette di arredare i propri spazi a costi contenuti.
Quel che non sapevo è che offrono pagamenti rateizzati che partono dopo 4 mesi dalla consegna, permettono di scegliere periodi diversi per recapitare a casa gli elementi acquistati nello stesso pacchetto e, anche se quel che è esposto nello showroom ha spesso la dicitura “così come esposto”, il più delle volte è possibile personalizzare le composizioni che ci piacciono con riserva.

Io ho scelto un letto contenitore e i comodini, il tavolo per la cucina, la parete attrezzata per la living room, i mobili per i bagni e alcuni elementi della cucina.

Avendo terminato i lavori massicci nella zona notte, ho potuto scegliere di avere a casa la camera da letto, prima di tutto il resto, e ho posticipato a luglio tutto quel che sistemerò nell’open space costituita da cucina e soggiorno.
Avrò tempo per pianellare l’intera area, poi andrò a ritirare gli elementi della cucina che monterò in una struttura che ho progettato io e costruirò in privato, poi i trasportatori mi consegneranno tutto ciò che si occuperanno anche di montare ed è incastonato nella struttura mobile scelta in negozio.

Questa è una delle prime informazioni che mi interessa sottolineare: ho scelto forno e lavastoviglie da incasso, ma il forno è montato in una colonna mobile progettata con la consulente in negozio, la lavastoviglie sarà incastonata in un piano murato che costruiremo noi, quindi il primo sarà installato dai montatori e portato a casa da loro, la seconda andrò a ritirarla io e la inseriremo noi nella struttura.

La consulente ci consigliò il ritiro di tutto quel che i tecnici non installano di persona e che è facilmente trasportabile in automobile.
Questo perché il prezzo del trasporto è calcolato sul 10% dell’importo dei prodotti acquistati.

Entrati in negozio abbiamo scritto sui foglietti disponibili all’ingresso i nomi, i modelli e il prezzo di quel che ci piaceve e alla cassa ci hanno assegnato una consulente che abbiamo chiesto perché avevamo alcune domande in merito alle nostre preferenze.

La consulente ha potuto modificare in base alle misure di casa nostra, ha avanzato proposte, ha progettato su Autocad e ci ha mostrato in diretta le composizioni possibili.
Quando siamo giunti a scegliere come pagare ci ha mostrato l’importo totale, ha stabilito con noi come e quando consegnarci l’arredamento e ha spiegato che, dopo 4 mesi dalla consegna dell’ultimo elemento del pacchetto, avremmo potuto pagare l’intero importo o pagare a rate, secondo una rosa di 5 opzioni.
Inseriti tutti i dati, la pratica è stata inserita e ha dato un esito.

Il fatto che ne stia parlando, significa che è stato positivo.

Nonostante fossi convinta che avrei dovuto mettere per anni soldi da parte per arredare la casa, mi sono dovuta ricredere, perché i tempi cambiano, le condizioni economiche sono sempre diverse e, in base a queste, chiunque abbia a cuore i propri clienti si adatta a loro trovando le soluzioni più sostenibili.

Non resta che aspettare la consegna e realizzare un luccicante photopost…

Articolo letto 36 volte