Il libro e maestra Paola

Indossava un vestito bianco e parlava velocemente.

Maestra Paola, l’insegnante di italiano delle scuole elementari, mi ha lasciato questo indelebile ricordo del primo giorno.

Mi insegnò a scrivere e leggere, faceva delle letture davanti all’intera classe e ci avvicinò alle storie del battello a vapore, una collana per bambini che ricordo con estrema dolcezza.

Libri interessanti e, mi rendo conto oggi, istruttivi.

Apparve alla mia finestra – scritto da Alfredo Gòmez Cerda – racconta di un bambino che trova un animale inclassificabile: un mukusuluba.

Il mukusuluba è stato abbandonato dal suo precedente padrone, che gli attacca una targa al collo nel quale lascia intendere un mistero attorno al motivo per cui lo ha lasciato andare.

Il bambino sottovaluta totalmente l’idea di accudire un animale e, a fine libro, ricordo ancora oggi l’importante lezione di vita che impara (e che io, all’epoca, acquisii e tenni sempre a mente).

Non si possono giudicare le scelte, le decisioni e le conclusioni degli altri se prima non abbiamo toccato con mano l’esperienza.

E’ molto probabile, infatti, che dopo l’esperienza capiremmo molto bene le scelte di chi abbiamo giudicato o avremmo voluto giudicare.

Magnifico.

Sono anni che cercavo questo libricino, per cui avrei sborsato tantissimi soldi… e invece mi è costato solo cinquantacinque centesimi.

Per me sarebbe potuto costare anche dieci euro: vale tantissimo, affettivamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*