Il mio passaggio a Kena Mobile: come, perché e configurazione

Il magico potere del passaparola

Qualche giorno fa, una collega mi racconta di aver fatto il passaggio di operatore, dal suo storico a Kena.
Mai sentiti nominare, non ho molte informazioni su di loro, ma lei mi parla di un’offerta che prevede tanti gigabite disponibili e chiamate illimitate.
Mi convince già da qui, io con internet – fuori casa, dove invece mi servo di Linkem da tanto tempo e sono soddisfatta – macino tanti giga e, a cavallo di fine mese, mi ritrovo spesso a secco.
Ha fotografato il foglietto in cui si illustrano le varie offerte disponibili, la migliore è quella se si arriva da operatore Iliad.
Furbissimi!

Perché

Arrivo da operatore Wind, spendevo ogni mese 9 euro per avere 5gb di traffico internet.
Oggettivamente, un’offerta obsoleta rapportando prezzo e giga disponibili.
Iliad ha rivoluzionato la situazione – anche se la mia esperienza non è stata positiva con loro – e la normalità è diventata quella di poter navigare quasi senza limiti anche con lo smartphone, così tanti altri operatori si sono mossi per eguagliare la loro  proposte, cercando di superare anche la soglia vertiginosa dei 20 giga che, qualche mese fa, era la migliore che offrisse il mercato.

Come

Memore della cattiva esperienza con Iliad, ho capito che fare una richiesta di cambio operatore su Internet non sia la mossa migliore quindi, quando la mia collega ha parlato di aver fatto tutto in un negozio fisico, ho preso seriamente in considerazione la possibilità di passare a Kena.
Nel centro commerciale La Corte del Sole è stato allestito uno stand temporaneo in cui fare richiesta della sim, con l’opzione di portabilità del proprio numero telefonico, e questo mi bastava per essere certa che sarei andata a fare richiesta.
Ci sono voluti 2 giorni lavorativi perché tutto andasse a buon fine, non ci sono modalità sconosciute in questo procedimento, chiunque ha già percorso la stessa strada in qualsiasi passaggio operatore: comunichi il numero, firmi le pratiche e alleghi fotocopie di documento di identità e tessera sanitaria/codice fiscale.
Ho fatto una ricarica di 15 euro per pagare attivazione della sim e l’offerta del mese a € 8,99 (per chi arriva da operatori come Wind, Vodafone e Tim; vuole 50gb, 100sms e chiamate illimitate) e l’operatrice dello stand ha ricaricato la sim, che mi ha consegnato dicendomi di inserirla quando la mia avrebbe smesso di funzionare.

Configurazione

Quel che non sapevo è che avrei dovuto configurare il telefono per farlo funzionare con la nuova SIM.
Sul sito di Kena ci sono le informazioni utili per una semplice e veloce configurazione, mi sembra utile linkare la pagina, perché i primi dieci minuti in cui non vedevo smuoversi nulla nel telefono ho temuto di aver fatto un passo falso.
*La collega mi ha detto oggi di aver ricevuto un foglio con le indicazioni per la configurazione, a me l’operatrice non l’ha dato lunedì, ma si è certamente trattata di una svista in quel momento in cui curava il mio cambio operatore e l’attivazione di un contratto con altre due persone che erano già presenti quando sono arrivata io.
Lavoro con il pubblico, so quanto ci si possa confondere facilmente mentre si stanno gestendo due persone nello stesso momento.

Cosa è successo con Iliad

Sulla scia delle belle parole di tutti, tramite il sito di Iliad, ad inizio estate feci richiesta di una SIM con portabilità del mio numero per avere disponibilità di traffico internet di 20gb e aspettavo di ricevere la sim per via postale.
Non so per quale motivo, a casa mia non arrivò mai nulla e sul sito web dell’operatore lessi che a loro risultava avessi ricevuto il pacco.
È possibile che l’indirizzo di casa mia crei problemi per la consegna della posta – anche se vedo spesso i corrieri e i postini passare – ma non ho mai capito perché a loro la spedizione risultava andata a buon fine.
Hanno consegnato alla persona sbagliata e Iliad è in buona fede?
Non lo so, non ho voluto accusare nessuna delle parti senza particolari certezze, quel che è sicuro è che non avrei mai più ordinato una sim online.

Attendo qualche tempo per avere un’idea di Kena, dei servizi, del rispetto delle promesse in rapporto con l’utilizzo che ne farò.
Kena è la compagnia Low Cost che nasce da una costola della Tim, quindi la copertura è piuttosto buona ovunque Tim avesse buona ricezione.

Articolo letto 100 volte