Negli anni ho fatto tanta di quella confusione con la dichiarazione dei redditi che o pagavo il multino per dichiarazione tardiva o, ad andar meglio, la rateizzazione per pagare il debito mi agevolava ben poco perché mi ero mossa comunque troppo tardi e le prime due rate scadevano in date piuttosto ravvicinate.

Non sono un’espertona di fisco e non mi ergo a fonte indiscussa per informazioni sull’argomento ma, visto che vorrei proprio fare tutto con ordine quest’anno, ho raccolto un riepilogo di informazioni che mi sono state utili per partire col piede giusto e – semplicemente – le condivido per chiunque abbia necessità di avere a portata di mano i fondamentali.

Precompilata Fai da te o CAF?

Essendo iscritta al sindacato UIL, mi sono sempre avvalsa del servizio offerto dal CAF associato, per presentare la dichiarazione dei redditi.

Ho voluto sfruttare il vantaggio di rivolgermi a persone esperte che mi evitassero di depositare dichiarazioni incomplete o mancanti del pagamento di more per il ritardo nella presentazione.

Cosa sia meglio fare è una scelta molto personale, i più smart possono però avvalersi della precompilata modificabile sul sito dell’Agenzia delle Entrate, nella quale sono già presenti le certificazioni uniche (che si possono anche scaricare per presentarle al CAF seguendo il percorso ACCESSO – CONSULTAZIONI – CASSETTO FISCALE – DICHIARAZIONI FISCALI – CERTIFICAZIONE UNICA) percepite l’anno precedente e le spese mediche/veterinarie (solo se pagate mediante canale elettronico).

Non credo, invece, compaiano in automatico le spese per affitto e interessi passivi del mutuo (nel caso in cui si sostengano) e questo è il motivo per cui ho sempre stampato le contabili dei pagamenti dell’affitto e, adesso, il resoconto degli interessi del mutuo redatto dalla banca e portato tutto in blocco al CAF per compilare la dichiarazione correttamente

Presentare la dichiarazione dei redditi tramite CAF inficia ciò che è già inserito nella Precompilata, quindi bisognerà possedere copia cartacea di tutto: spese mediche, veterinarie, abbonamenti, restauro in casa, certificazioni uniche etc.

Al netto di ogni scadenza intermedia, per il 2021 la data di scadenza della presentazione del 730 è fissata per il 30 settembre 2021

Scadenze della Precompilata

Ho detto “scadenze intermedie” con l’intento di introdurre questo specifico dettaglio sulla Precompilata.

Nell’immagine accanto (che è visualizzabile per intero, cliccando la voce Elenco Scadenze, nel paragrafo AREA DOWNLOAD) c’è il riepilogo trovato sul sito dell’Agenzia delle Entrate in cui leggere da quando si potrà accedere, modificare e presentare la precompilata o, correre ai ripari, presentando il Modello Unico.

Focus sulle spese detraibili

Da quest’anno, utilizzo i mezzi pubblici, e ho casualmente scoperto di poter presentare nella dichiarazione le prove di pagamento dell’abbonamento per inserirlo tra le spese detraibili.

Sono andata allora alla ricerca della lista completa delle spese detraibili e ho trovato un PDF con tutte le istruzioni per compilare la dichiarazione (o prepararsi per andare al CAF con tutti i documenti necessari) nel quale, due pagine molto utili, le riassumono tutte.

Il modulo da compilare e quello delle istruzioni è scaricabile in basso, sempre nella Area Download.

✅ Area Download

Modulo 730
Istruzioni per la compilazione
Elenco Scadenze
Dettaglio elenco spese detraili

Avete trovato utile questo articolo?
Vi piacerebbe leggere altri post simili?
fatemi sapere nei commenti…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.